Condividi l'articolo su:

Partiamo dal presupposto che non stiamo piazzando i bambini davanti alla televisione, ma gli stiamo proponendo un’attività che per certi aspetti può promuovere anche apprendimento.

Bambini e televisione

Bambini e televisione: Quando proporla e per quanto tempo?

L’infanzia non ha bisogno di videoschermi, non ha bisogno di una realtà virtuale.

Prima dei 3 anni un bambino necessita di sviluppare competenze interagendo con l’ambiente attraverso esperienze sensoriali che utilizzino tutti e cinque i sensi. Questo è ciò che dicono le linee guida secondo le quali per i bimbi molto piccoli (0-3 anni) sarebbe meglio evitare l’uso di schermi e limitarli andando avanti nel tempo (3-6 anni). Questo perché l’esposizione alla tecnologia per tempi prolungati in tenera età può portare a importanti problemi attentivi.

Detto ciò, secondo me è sempre fondamentale trovare il giusto equilibrio, adattandosi all’epoca storica in cui viviamo senza però subirla.

Rispettare rigorosamente le linee guida al giorno d’oggi, a parer mio, può essere complicato. Questo non vuol dire lasciare i bambini davanti alla televisione tutto il giorno, ma neanche demonizzarla.
Come in tutte le cose è giusto trovare un compromesso ed un equilibrio, senza estremizzare e soprattutto senza sensi di colpa da parte del genitore.

Evitarla se possibile fino all’anno e mezzo, preferendo canzoncine senza i video. Poi si può iniziare a proporre per brevi periodi, sempre con raziocinio.

Il tempo di esposizione cambia molto in base a diverse variabili, età, tipologia di cartone, temperamento dei bambini…indicativamente dai 10 minuti all’ora come limite massimo. Come ci consiglia Sara, educatrice e mamma, è utile impostare un timer per definire le tempistiche e preparare i bambini al momento del distacco dalla televisione.

Usare la televisione se serve per prendere un attimo di respiro, per far riposare loro e per staccare noi. Ricordiamoci però di coinvolgere i bambini nelle attività quotidiane: facciamoli cucinare con noi, fare il letto, pulire. Sono dei piccoli aiutanti preziosi 😉

Bambini e televisione: in quale fascia oraria?

Tendenzialmente lontano dal momento della nanna per evitare di sovra-stimolare i bambini.
Anche qui però dipende molto dal periodo che si sta vivendo e dal loro temperamento:per alcuni può essere un momento di rilassamento per lasciarsi andare al sonno.

Dipende appunto anche dal momento che si sta vivendo, in questo periodo di quarantena in cui si è sempre a casa la televisione può essere un modo per evadere e rilassarsi, nella quotidianità normale invece già solo tornare a casa e ritrovare il proprio ambiente è un momento di raccoglimento.

Cartoni durante i pasti

Per me è no.

Ogni attività deve avere la giusta attenzione e vale anche e soprattutto per i pasti. È rischioso non prestare attenzione a quello che si mangia, innanzitutto per il pericolo di soffocamento e poi perché non ci si accorge di quello che si sta introducendo e si perde tutta la parte di esplorazione del cibo.

“Senza cartoni il mio bambino si alza e non mangia.”

Se si alza per giocare il momento del pasto è finito, lo si avverte ma se continua a farlo via il piatto. Non per essere cattivi, ma perché siamo noi adulti a dover mettere dei paletti, dare delle regole di cui i bambini hanno estremamente bisogno.

Così come la televisione: si guarda seduti, non facendo altre mille cose insieme. Un’attività alla volta per poterla apprezzare e concentrarsi su di essa.

Con questo non voglio dire che la serata cinema a fare un pic nic sul tappeto davanti alla televisione sia da evitare, ma dev’essere un’eccezione che la renderà ancora più speciale 🙂

Bambini famiglia televisione

Quali cartoni scegliere?

I cartoni non sono tutti uguali e siamo noi grandi a definire tra quali loro possano scegliere.

Ricordiamoci sempre che non si parla di scelte giuste o sbagliate, ma semplicemente di scelte.

Su questo, Sara, nella diretta che abbiamo fatto insieme su Instagram, ha dato dei criteri preziosi su cui basarsi per scegliere:

  • il cartone dovrebbe rappresentare la quotidianità che il bambino vive;
  • non dovrebbe avere troppi colori e troppi personaggi;
  • dovrebbe usare un linguaggio semplice.

Esempi possono essere: Peppa Pig, Simone, Topo Tip, Curioso come George, Bing, Gruffalò, …

Fino ai 5 anni meglio preferire cartoni basati sulla quotidianità e non sulla fantasia, quindi cartoni che non richiedano pensiero astratto, che si sviluppa verso i 5-6 anni.

Detto questo se i cartoni Disney, che tendenzialmente sono più fiabeschi, piacciono, non vietarli assolutamente anche verso i 3 anni, ma dividerli magari su più giorni.

È importante seguire i gusti dei vostri bimbi. Per intenderci: se Frozen piace e il bambino non ha ancora compiuto 5 anni, va bene lo stesso, seguire i loro ritmi è fondamentale anche per questo argomento.

Per quanto riguarda le canzoni su Youtube se sono animate valgono come i cartoni, se invece sono cantate da una persona con i gesti correlati vanno benissimo quando magari ci si rende conto che si sta sforando con i tempi-cartone, o per i bambini più piccoli come dicevo ad inizio articolo.

Un esempio di canzoni cantate e non animate le trovate su: Mamme in Sol

Canzoni animate sono quelle che potete trovare, ad esempio, su: Coccole Sonore

Vanno bene anche gli audio libri.

In conclusione

La televisione non va demonizzata, ma neanche usata troppo.
Come sempre le vie di mezzo e l’equilibrio sono la migliore strategia.

Non esiste giusto o sbagliato in assoluto, ma esiste ciò che va meglio per il vostro bambino e la vostra famiglia.

Leggi anche: Quarantena e bambini: quali gli effetti e come affrontarli

Percorriamo questa strada insieme:

Tel: +39 344 276 9056

E-mail:   info@psicologaferrero.it


Bambini e televisione
Tag:                         
Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Consultala per avere maggiori informazioni, anche su come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento della pagina acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi